22 ottobre, Sapienza : “Stesso lavoro, stessi diritti. Perché noi no?”

22 ottobre – Negli atenei italiani la precarizzazione “a tempo indeterminato” del lavoro di ricerca e di didattica è diventata una normalità e questo è inaccettabile per il presente e il futuro dell’Università. I ricercatori precari svolgono attività stabile di ricerca e didattica e stabile deve essere il loro contratto di lavoro.
È urgente rimettere in discussione le condizioni di lavoro e di vita di un’intera generazione di ricercatori, per chiedere un piano straordinario di stabilizzazione e reclutamento, in grado di intervenire sulla piaga del precariato, e una riforma del preruolo universitario che garantisca condizioni di lavoro adeguate e prospettive di stabilità.
Ne parleremo lunedì 22 ottobre alle ore 14 in aula A, piano terra, dipartimento di Scienze Biochimiche “Rossi Fanelli”, città Universitaria. Parteciperanno l’Onorevole Marco Bella professore associato presso il dipartimento di Chimica dell’Università Sapienza e attualmente delegato del M5S della Commissione Cultura della Camera dei Deputati e l’Onorevole Alessandro Melicchio del M5S.
L’incontro è rivolto a tutti i precari della ricerca e della didattica dell’Università (assegnisti, dottorandi, rtda, co.co.co.) e auspichiamo una larga partecipazione per programmare insieme le azioni future.

Per qualsiasi informazione, potete rivolgervi a PUNTO. Lo sportello precari.