30 novembre, Roma – “Quando stabilizzare si può” conferenza stampa

Stabilizzare il personale della scuola. È la richiesta della Flc Cgil che sarà illustrata in una conferenza stampa venerdì 30 novembre a Roma, alle ore 11.30 nella sede nazionale in via Leopoldo Serra 31. Sulla base dei dati a disposizione del sindacato, al termine delle operazioni di nomina in ruolo e di supplenza annuale risultano non assegnati oltre 114 mila posti fra docenti, educatori e Ata. La situazione più instabile è quella dei docenti, per i quali sono ben 90 mila i posti in organico di diritto e fatto destinati a supplenza da graduatoria d’istituto.

“Una simile situazione – spiega la Flc – non garantisce il corretto andamento e governo delle istituzioni scolastiche ed educative, non assicura il diritto allo studio, mortifica le professionalità del personale scolastico condannandolo ad una continua situazione di precarietà”. Il sindacato ha provato anche a simulare anche l’impatto di quota 100 che potrebbe avere una portata decisiva sul sistema di reclutamento del personale perché interesserebbe un numero molto elevato di persone.

A questo proposito, “riteniamo che nella qualità del lavoro rientri anche la possibilità di un’uscita accompagnata verso il pensionamento attraverso l’incentivo di un part-time pensionistico, la cosiddetta operazione staffetta. Ci sono i presupposti – conclude la Flc Cgil – per un piano straordinario di stabilizzazione e per gettare le basi per una programmazione delle risorse a lungo termine, in modo da garantire la continuità didattica e la continuità lavorativa”.

Fonte: Rassegna.it