Continua l’iter per la definizione del disegno di legge di bilancio relativo al triennio 2022-2024 che sarà presentato alle Camere nei prossimi giorni.

Nella riunione del Consiglio dei Ministri del 19 ottobre 2021 è stato approvato e inviato alla Commissione Europea, il Documento Programmatico di Bilancio (DPB) 2022. In base all’art. 6 del Regolamento europeo 473/13, tale documento contiene, tra l’altro, le seguenti informazioni:

  • l’obiettivo di saldo di bilancio per le amministrazioni pubbliche, espresso in percentuale del prodotto interno lordo (PIL), ripartito per sottosettori delle amministrazioni pubbliche;
  • le proiezioni delle entrate e della spesa a politiche invariate, espresse in percentuale del PIL per le amministrazioni pubbliche
  • gli obiettivi di entrate e di spesa, espressi in percentuali del PIL per le amministrazioni pubbliche
  • le informazioni pertinenti riguardanti le spese delle amministrazioni pubbliche per funzione, anche per quanto concerne l’istruzione, la sanità e gli interventi di politica occupazionale
  • una descrizione e una quantificazione delle misure sul fronte delle spese e delle entrate da inserire nel progetto di bilancio per l’anno successivo per ogni sotto-settore,
  • indicazioni sulle modalità con cui le riforme e le misure contenute nel progetto di documento programmatico di bilancio, tra cui in particolare gli investimenti pubblici, che danno seguito alle raccomandazioni rivolte allo Stato membro e contribuiscono al conseguimento degli obiettivi fissati dalla strategia dell’Unione per la crescita e l’occupazione.

Il nuovo quadro programmatico prevede una manovra di circa 23 miliardi e mezzo.