Presidio della Lega Nord contro una mozione a favore dello Ius soli: grave attacco alla libertà d’insegnamento e alla democrazia

La FLC CGIL Roma e Lazio riporta il comunicato della FLC CGIL Genova che denuncia il presidio indetto dalla Lega Nord contro il personale docente a favore dello Ius Soli durante il Collegio dei Docenti di un Istituto Comprensivo. La FLC CGIL Roma e Lazio è al fianco di tutto il personale della Scuola della Costituzione per una scuola aperta, libera e inclusiva.

Il comunicato della Camera del lavoro e della FLC CGIL di Genova

Il 25 ottobre, durante il Collegio dei Docenti dell’Istituto Comprensivo San Martino – Borgoratti, la Lega Nord organizzava un presidio contro il personale docente della scuola che intendeva discutere una mozione a favore dello Ius soli.

Questo fatto di intimidazione da parte di un soggetto politico nei confronti del personale della scuola non solo è grave in quanto atto initimidatorio ma colpisce una libertà costituzionalmente tutelata come la LIBERTA’ D’INSEGNAMENTO (art. 33 della Costituzione della Repubblica Italiana).

Rifiutiamo qualsiasi atto in contrasto con la Costituzione repubblicana.

In una comunità educante creare divisioni e non considerare tutti i bambini uguali tra loro è in palese contrasto anche con l’art. 3 della Costituzione “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.”

La CGIL di Genova e la FLC CGIL saranno sempre a fianco di tutto il personale della Scuola della Costituzione per una scuola aperta, libera e inclusiva.